sabato 9 novembre 2013

Strozzapreti alla mia maniera.... ;)

Bè oggi a pranzo invece strozzapreti in variante personale ;)


Ingredienti:

250 gr. di pasta formato strozzapreti 
500 gr. di zucchine rigorosamente romanesche
1 cipolla bianca
1 limone bio
1 rametto di menta
sale
pepe
olio evo
parmigiano vegano (modificato come nella ricetta)

Procedimento:
tagliate a rondelle sottili le zucchine lavate, affettate sottilissima la cipolla e mettettela ad imbiondire nell'olio. Appena diventa trasparente mettete le zucchine a cuocere, coprendole ed eventualmente aggiungendo poca acqua e il sale. Appena cominciano ad essere cotte ma ancora al dente aggiungete la pasta e mescolate velocemente per insaporirla. Dimenticavo, la pasta deve essere aggiunta cruda..... questa ricetta prevede che sia risottata ;). Poi aggiungete del brodo vegetale caldo (circa un bicchiere ma dipende dalla pasta) mescolate nuovamente e coprite con un coperchio. Questi strozzapreti sono fatti con una varietà di semola di grano duro chiamata del Senatore Cappelli che introdusse la riforma agraria e la distinzione tra grani duri e teneri. Mentre la pasta cuoce potete dedicarvi a qualcosa d'altro, ma non dimenticate di girare ogni tanto ed eventualmente aggiungere ancora brodo, ma poco alla volta, sino a raggiungere una cottura al dentissimo........... Spegnete il fuoco e lasciate mantecare. Intanto preparate le bucce del limone tagliandole a striscioline e  spremendo il succo. Tritate le foglioline di menta. Accendete il fuoco sotto il tegame con la pasta che avrà riposato pochi minuti, irrorate la pasta e spadellate velocemente (o se preferite giratela per evitare disastri in cucina). Prima di servire mettete le striscioline del limone, la menta e una abbondantissima macinata di pepe nero.....

Il parmigiano veg ha subito pure lui una variante, ho aggiunto delle alghe dulse tritate..... 

Risultato ottimo, c'era la freschezza del limone e della menta, la croccantezza delle zucchine e del mio parmigiano, la cremosità delle zucchine e che vuoi di più dalla vita?


 


Posta un commento