lunedì 21 settembre 2015

Riso, patate e verza

 Bè ecco un modo per riciclare la costa della verza tolta per fare la lasagna. Qui è stata usata per mantecare il riso:





150 gr di riso carnaroli
100 gr di verza (meglio il cuore della verza) + coste di verza usate in altre ricette
1 patata
1 carota
1 cipolla piccola
brodo vegetale
Pepe nero
Sale qb
Olio evo qb

Lavate la verza e tagliatela a striscioline sottili, poi tagliate a pezzi la patata, grattugiate la carota, sbucciate la cipolla e tagliatela a fettine. Portate a ebollizione il brodo vegetale che servirà bollente. Frullate le coste di verza che avrete recuperato da altre ricette (vedi lasagna di verza). Prendete un tegame e mettete un pochino di olio, aggiungete la cipolla tritata e cuocete per un minuto, aggiungete le carote e un po’ di pepe e mescolate, poi unite la verza e un mestolo di brodo, mescolate e cuocete per 2 minuti. Aggiungete il riso fatelo tostare e poi mettete 3 mestoli di brodo e mescolate bene il tutto. Aggiungete più del doppio di brodo vegetale rapportato alla quantità di riso.  Cuocete a fuoco basso e coperto per circa 20 minuti e se si asciuga troppo aggiungete dell’altro brodo vegetale. Valutate voi la densità della minestra che volete raggiungere, spegnete, aggiustate di sale e poi aggiungete la cremina delle verze precedentemente fatte a crema, fate mantecare per qualche minuto e servite con una bella macinata di pepe.
Posta un commento