giovedì 18 giugno 2015

Pavlova senza uova!!!!


Una ricetta per Naturopataonline che in questo periodo ho trascurato! e anche per voi....

Dopo un periodo di distacco e devo dire anche di incertezza se continuare a pubblicare o meno il mio blog….. (crisi che passano tutti i food-blogger da quanto ho scoperto), eccomi a sperimentare nuovamente con una ricetta oltre che molto dolce anche innovativa. Ringrazio chi ha scoperto la possibilità di fare le meringhe con l’acqua di cottura dei ceci… Avrà per tutta la mia vita eterna riconoscenza! Eh si! Avete capito bene! Acqua di cottura dei ceci per fare le meringhe. E’ una svolta! Sia per il colesterolo che per chi è vegan o ancora per chi è semplicemente allergico alle uova. A voi l’ardua sentenza.

Pavlova Vegan:


Ingredienti per la panna di soya:
  • 250 gr. di yogurt bianco di soya
  • 1 c di agar agar
  • 1 c di zucchero a velo
Ingredienti per le meringhe:
·        100 gr acqua di cottura dei ceci non salata e a temperatura ambiente
·        125 gr di zucchero a velo
·        1/2 c di succo di limone
Ingredienti per il coulis di fragole:
·        200 gr di fragole
·        25 gr di zucchero semolato
·        75 ml di acqua
·        1 cucchiaino di estratto di vaniglia
Iniziate preparando la panna di soya. Potete anche comprarla pronta da montare o addirittura già pronta da spruzzare. A me non piace il sapore della panna vegetale e preferisco questa versione. Mettete lo yogurt in un colino molto fitto oppure mettete sotto una garza alimentare e lasciatelo scolare dal liquido per 24 ore, in frigo e con un contenitore per raccogliere il liquido che perderà. Il risultato finale è uno yogurt compatto che potete usare anche per fare della ricotta. Il giorno dopo trasferite lo yogurt in una ciotola, aggiungete lo zucchero a velo e l’agar agar e andate di frusta elettrica finchè il composto non diventa bello spumoso e rimettete in frigo a riposare. A differenza della panna vegetale già pronta che mi si ammoscia dopo qualche ora, questa rimane soda come piace a me.
Dedicatevi ora alla preparazione della meringa con l’acqua di cottura dei ceci che devo definire un’acqua strabiliante!!!!
Montare per prima cosa l'acqua di cottura dei ceci che avrete portato a temperatura ambiente e vi garantisco che monta splendidamente. Con le palette ci vorranno una 20’ di minuti. Alla fine avrete una spuma esattamente come con l'albume dell'uovo. 





 Se volete fare prima aggiungete 1 cucchiaino di agar agar. A questo punto non avrete problemi quando dovrete aggiungere il succo di limone e i 125 gr di zucchero a velo e continuate a montare l’albume vegano.
Con un cucchiaio o con la sac-a-poche formate le meringhe su una teglia da forno precedentemente ricoperta da carta da forno. Infornate e qui dipende molto dal vostro forno. Dovete mantenere una temperatura massimo di 100° per 1 ora e mezzo se avete il forno ventilato.  Altrimenti dovrete sbizzarrirvi un pochino facendo delle prove…..
Sono pronte quando si staccano facilmente dalla carta e all’interno sono belle asciutte. Spegnete il forno, socchiudetelo e lasciatele raffreddare completamente all’interno.
Mentre si raffreddano le meringhe dedicatevi al coulis di fragole.
Occorre pulire e lavare la fragole. Per la guarnizione ho usato anche mirtilli e lamponi, quindi pulite e lavate anche loro anche se non li userete per il coulis. Tagliate le fragole in pezzi non troppo piccoli. In una casseruola versate l’acqua e lo zucchero e mettete ascaldare lo sciroppo così ottenuto a fiamma moderata. Quando lo sciroppo comincia a fare le prime bolle (non deve scurire) levate velocemente dal fuoco il pentolino e versate nel liquido ancora caldo le fragole e l’estratto di vaniglia. Mescolate e rimettete sul fuoco. Cuocete sino ad ottenere una salsa morbida sino a completo disfacimento delle fragole. Se necessario filtratela con un passino a maglia fine.
Una volta raffreddate le meringhe scavate un pochino la meringa e riempite con la panna di soya e ricoprite la panna con il coulis di fragole e con  lamponi,  mirtilli e pezzetti di fragole e quello che più vi piace :) e ....  gustate la vostra fatica cruelty free!
Posta un commento